Questo sito web utilizza cookies di profilazione che ci aiutano a migliorare la tua esperienza d'uso del sito. Continuando a navigare sul nostro sito acconsenti all'utilizzo dei cookies durante la navigazione.
La Camera Uffici Sportelli Comunicazione Modulistica Manuali

DIRITTO ANNUALE ANNO 2015

 

Istruzioni per il calcolo

Per il 2015 pagano in misura fissa: imprenditori individuali (tutti; con importi distinti fra sezione speciale e sezione ordinaria), società semplici (con importi distinti fra agricole e non agricole), società tra avvocati previste dal comma 2 articolo 16 del D.Lgs. 96/2001.
Pagano il diritto annuale in misura fissa anche i soggetti iscritti solo al R.E.A., come le associazioni, le fondazioni e gli enti religiosi che svolgono un'attività economica e le unità locali o sedi secondarie di imprese estere.

  • Le imprese dovranno individuare la provincia in cui hanno la sede e il numero di unità locali presenti in Siracusa e in ogni altra provincia. Ai fini del diritto annuale, per "unità locali" si intende "unità locali e/o sedi secondarie". I soggetti iscritti solo al R.E.A. (tra cui: associazioni, fondazioni ecc.) non pagano per le eventuali unità locali.

  • Le nuove imprese, unità locali e soggetti R.E.A. iscritti nel 2015 non rientrano nell'esazione a scadenza ordinaria, ma devono pagare al momento dell'iscrizione (o con modello F24 nei trenta giorni successivi).

  • Nel caso di trasferimento di sede fra province diverse, il diritto per la sede è dovuto alla Camera nei cui registri risultava l'iscrizione al 1 gennaio 2015, indipendentemente dalla data effettiva di trasferimento.

  • Nel caso di passaggio da una forma giuridica che paga in misura fissa a una che paga in base al fatturato, o viceversa (mantenendo lo stesso codice fiscale), il diritto è dovuto in base alla natura giuridica con cui era iscritta l'impresa al 1 gennaio 2015.

  • Il diritto annuale non è frazionabile in alcun caso in proporzione ai mesi di iscrizione al Registro Imprese o al R.E.A. (sia per la sede che per le unità locali).

  • I criteri di arrotondamento degli importi da versare sono quelli stabiliti dalla circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 19230 del 03.03.2009.

 

Importi per nuove iscrizioni

Le imprese che si iscrivono nel corso del 2015, oppure che aprono nuove unità locali, dovranno versare i seguenti importi al momento della domanda di iscrizione (tramite ComUnica) oppure con modello F24 nei trenta giorni successivi.

NOTA SULLE TABELLE:
gli importi sotto indicati sono calcolati per semplicità con l'arrotondamento sulla singola sede e/o unità locale anziché sul dovuto complessivo come da circolare ministeriale. Nel caso di contemporanea apertura di sede e più di 2 unità locali si prega di contattare l'ufficio diritto annuale per verificare l'esatto importo dovuto.


Imprenditori individuali iscritti in sezione speciale come piccoli imprenditori, artigiani, agricoli (e comunque non iscritti nella sezione ordinaria)

 

   
Nuova impresa: euro 57,20 + maggiorazione 20% =

€ 69,00

Per ogni nuova unità locale in provincia di Siracusa : euro 11,44 + maggiorazione 20% =

€ 14,00

Imprenditori individuali iscritti in sezione ordinaria

   
Nuova impresa: euro 130,00 + maggiorazione 20% =

€ 156,00

Per ogni nuova unità locale in provincia di Siracusa: euro 26,00 + maggiorazione 20% =

€ 31,00

Società semplici agricole

   
Nuova impresa: euro 65,00 + maggiorazione 20% =

€ 78,00

Per ogni nuova unità locale in provincia di Siracusa : euro 13,00 + maggiorazione 20% =

€ 16,00

Società semplici non agricole; società tra avvocati (comma 2 art. 16 D.Lgs. 2.2.2001 n. 96)

   
Nuova impresa: euro 130,00 + maggiorazione 20% =

€ 156,00

Per ogni nuova unità locale in provincia di Siracusa: euro 26,00+ maggiorazione 20% =

€ 31,00

Soggetti iscritti solo al R.E.A.
R.E.A. = Repertorio Economico Amministrativo. Sono iscritti al solo REA (e non anche al Registro Imprese) le associazioni e fondazioni, gli enti religiosi ecc. che svolgono attività economica. Possono essere iscritte in un'apposita sezione del solo REA anche le persone fisiche che erano iscritte nei soppressi Ruoli Agenti e Rappresentanti o Agenti di Affari in Mediazione o Mediatori Marittimi, e che non esercitano l'attività.

   
Nuovo soggetto R.E.A.: euro 19,50 + maggiorazione 20% =

€ 23,00

I soggetti iscritti solo al R.E.A. non devono versare per le eventuali unità locali.

----------

Unità locali e sedi secondarie di imprese con sede principale all'estero

   
Per ogni nuova unità locale/sede second. in prov. di SR: euro 71,50 + magg. 20% =

€ 86,00

 STORICO 

 DIRITTO ANNUALE ANNO 2014

 

Pubblicate le tabelle con gli importi di prima iscrizione 2014

 

Sono state pubblicate, le tabelle per il diritto annuale di nuova iscrizione 2014. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha stabilito che per il 2014 si applicano gli stessi importi di diritto annuale previsti per il 2011, 2012 e 2013 relativamente a ogni tipologia d'impresa.

Ecco il Decreto MISE.

 

DIRITTO ANNUALE ANNO 2013

È stato pubblicato il decreto che fissa gli importi per l’anno in corso: il versamento è previsto entro il 16 giugno 2013 per tutte le imprese iscritte alla Camera di commercio

Come si evince da decreto ministeriale, le misure del diritto camerale per l’anno 2013 non hanno subito alcuna variazione rispetto a quelle previste per l’anno 2012, sia in termini di scaglioni di fatturato che di importi.

Si ricorda che sono tenute al versamento annuale del tributo alla Camera di commercio tutte le imprese iscritte nel Registro delle Imprese, anche se inattive.

Il pagamento del diritto annuo 2013 deve essere eseguito esclusivamente con il modello F24 telematico, in coincidenza con il versamento del primo acconto delle imposte (mercoledì 16/06/2012 o venerdì 16/07/2012 con maggiorazione dello 0,4%).

Si ricorda, inoltre, alle imprese che non hanno ancora provveduto al versamento del diritto annuale 2012, la possibilità di regolarizzare la propria posizione, avvalendosi dell’istituto del ravvedimento operoso, versando oltre al tributo una sanzione ridotta al 3% e gli interessi legali al tasso dell’1%.

Le informazioni e il testo della circolare ministeriale 21.12.2012 sono disponibili nel sito camerale www.sr.camcom.gov.it, alla sezione “Diritto annuale”, voci “Normativa” e “Ravvedimento operoso”.


Soggetti tenuti al pagamento

Sono tenute al pagamento del diritto annuale tutte le imprese iscritte o annotate nel Registro delle Imprese e tutti i soggetti iscritti nel Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative (REA) alla data del 1° Gennaio 2013, ovvero nel corso dell'anno o frazione di esso.

Sono soggette al pagamento del diritto annuale anche le società che risultano in liquidazione, nonchè le società che, pur avendo cessato l'attività, non hanno effettuato la cancellazione dal Registro delle Imprese.

L'importo del diritto non è frazionabile in rapporto alla durata di iscrizione nell'anno.

Nel caso di trasferimento della sede legale o principale in altra provincia, il diritto è dovuto alla Camera di Commercio ove è ubicata la sede legale o principale al 1° gennaio dell'anno a cui si riferisce il pagamento o alla diversa data se l'impresa è stata costituita successivamente al 1° gennaio.

Soggetti non tenuti al pagamento

immagine di tabella Le imprese in fallimento o liquidazione coatta amministrativa dall'anno 2012, tranne i casi in cui sia stato autorizzato l'esercizio provvisorio dell'impresa;
immagine di tabella Le imprese individuali con attività cessata entro l'anno 2012 e che abbiano presentato domanda di cancellazione dal Registro delle Imprese entro il 30 gennaio 2013;
immagine di tabella Le società ed altri enti collettivi con bilancio finale di liquidazione approvato entro l'anno 2012, purchè abbiano presentato la domanda di cancellazione dal Registro delle Imprese entro il 30 gennaio 2013;
immagine di tabella Le cooperative nei confronti delle quali l'autorità governativa abbia adottato un provvedimento di scioglimento (art.2545 septiesdecies c.c.) nell'anno 2012.

 

INTERESSI LEGALI DAL 1 GENNAIO 2013

Con D.M.12.12.2011, pubblicato in G.U. n. 291 del 15.12.2011, è stato modificato il tasso legale di interesse.

Dal 1° gennaio 2012 passa dal 1,50 % all' 2,5%, comportando pertanto dei cambiamenti nel calcolo degli interessi legali da eseguirsi per il pagamento degli atti di accertamento e irrogazione di sanzioni e per quelli da versare con il Ravvedimento operoso.